Infissi Manutenzione Ordinaria e Straordinaria

manutenzione e sostituzione infissi

Quando un cliente arriva presso il nostro show room in cerca dell’infisso MIGLIORE per la propria casa o sede di lavoro, solitamente ha un’idea ben precisa che tradotta a livello di qualità preformanti (resistenza, calore, isolamento acustico dei locali, nessuna dispersione del calore all’esterno ecc.) equivale ad un: infisso in legno.

Quest’ idea è comune alla maggioranza della gente che per anni ha conosciuto come: ”infisso termo isolante per eccellenza” il serramento in Legno.

E questa convinzione non è affatto sbagliata, se non fosse che…

Molto spesso gli infissi esterni di casa  sono quelle parti fondamentali maggiormente trascurate. Un po’ per i costi eccessivi di manutenzione di un infisso , un po’ per la poca attenzione alla  pulizia profonda e preventiva; negli anni, potrebbe capitare che le finestre siano più soggette al deterioramento.

Ecco cosa accade dopo 5-10 anni alle finestre ed infissi in legno:

  • Logoramento del materiale,manutenzione degli infissi in legno
  • Distorsione del profilo (se non realizzato in legno lamellare)
  • Attacco di tarme ed altri insetti del legno (specie quando non ha subito trattamento antitarme specifico)
  • Fuoriuscita di resina

L’esposizione agli agenti atmosferici, inoltre, può portare nel lungo periodo all’usura degli infissi esterni. Per questo motivo è importante effettuare una manutenzione periodica di porte-finestre e finestre (non solo di quelle in legno ma di qualsiasi tipologia e materiale).

In pochi sanno che per ovviare alle problematiche degli infissi in legno basta scegliere Infissi in PVC. Queste tipologie di serramenti sono, infatti, l’unica soluzione in commercio a garantire tutte le caratteristiche di isolamento termico ed acustico del legno; con in più:

– la facilità di manutenzione ordinaria

– la resistenza prolungata agli agenti atmosferici

– la vasta scelta di colorazioni e finiture

– la convenienza del costo rispetto alla qualità del materiale e alla performance dell’infisso.

Di seguito riportiamo una breve guida sulla manutenzione delle diverse tipologie di serramento.

Infissi in Legno: Manutenzione

Tra i diversi materiali utilizzati per la realizzazione degli infissi, il legno è quello che necessità di particolari attenzioni per la manutenzione.

Il motivo è molto semplice: un serramento in legno è realizzato con materiale vivo e naturale, con particolari caratteristiche chimico-fisiche ed estetiche che richiedono interventi frequenti e trattamenti specifici per essere preservate nel tempo.

Occorre tuttavia distinguere tra una manutenzione Ordinaria Infissi: che prevede una serie di operazioni di routine (pulizia, rimozione di polvere e residui di sporcizia) volte a prevenire l’insorgere di problemi e difetti del serramento esterno e manutenzione straordinaria infissi  o meglio conosciuta come “manutenzione correttiva di porte e finestre” (come nel caso della sostituzione  lucidatura, verniciatura e trattamento dei serramenti in legno, alluminio o altro materiale).

Solitamente per gli infissi in legno, manutenzione ordinaria comprende diverse fasi che possiamo riassumere in:

  •  pulizia lato interno e lato esterno con un panno umido, asciugatura e rimozione dei residui di polvere e sporcizia da angoli e parti nascoste da ripetere ogni 3 mesi. In caso di condensa, nei mesi invernali, occorre asciugare con attenzione i profili in legno
  • Lucidatura con prodotti che preservino la brillantezza del materiale
  • Interventi periodici per la pulizia dei sistemi di evacuazione dell’acqua
  • Pulizia dei binari in cui scorre una porta-finestra o finestra (nel caso di infissi alzanti e traslanti scorrevoli)
  • Manutenzione delle guarnizioni
  • Lubrificazione delle ferramenta (cerniere ed ingranaggi).

Gli infissi in legno; manutenzione straordinaria:

  • Rinnovo della protezione esterna nel caso sia superficialmente corrosa o ricoperta di graffi, per evitare la penetrazione dell’umidità tra gli strati interni dell’infisso
  • Restauro della superficie se corrosa. Tale operazione prevede verniciatura, levigatura e sostituzione delle superfici danneggiate.

 

Infissi in Alluminio: Manutenzione

 

Economici, leggeri e facili da lavorare; sono queste la migliori qualità dei serramenti in alluminio che si adattano a qualsiasi forma e colorazione.

 

Come pulire gli Infissi in Alluminio?

 

Riguardo la manutenzione ordinaria degli infissi in alluminio: È indispensabile che gli infissi vengano preservati il più a lungo possibile e la loro pulizia sia accurata e programmata con regolarità per evitare l’insorgere della corrosione. Quindi, ogni tre mesi o più spesso a seconda dell’esposizione dell’infisso agli agenti atmosferici ed allo smog, in maniera tale che lo strato protettivo sia preservato intatto.

Si procede con la pulizia nelle ore meno assolate, quando l’infisso non è eccessivamente caldo a causa dell’esposizione al sole.

Per la rimozione di residui di polvere e smog si potrà utilizzare un panno di microfibra o spazzole con setole morbide, bagnato in acqua tiepida (max 25°C, quindi NO VAPORE) e sapone neutro.

Sono assolutamente vietate pagliette, detergenti in polvere, etc per evitare il danneggiamento dello strato superficiale protettivo dell’infisso. Verificare che non vi sia alcun ristagno dell’acqua nei gocciolatoi. Nel caso di infissi scorrevoli è necessario procedere con la pulizia dei binari e con la lubrificazione della ferramenta.

Per saperne di più leggi il Nostro articolo sulla pulizia degli infissi in alluminio

 

 

 Infissi in PVC: Manutenzione

 

manutenzione infissi pvcChi rinuncerebbe ad un comfort termico ed acustico ottimale? Certamente NESSUNO! Ecco perché sempre più persone scelgono gli Infissi in PVC!

Il Cloruro di Polivinile è un materiale stabile e resistente all’azione corrosiva degli  agenti atmosferici, radiazioni e sostanze inquinanti.

Economico e disponibile in diverse colorazioni e finiture, si adatta ad ogni stile e ad ogni tipo di abitazione.

Vuoi essere informato su Costi, Qualità e Valore degli infissi in PVC? Rimani connesso e Contatta Iacati Porte e Finestre

Questo materiale è sicuramente l’unico che richiede pochissima manutenzione.  Infatti, bastano piccoli accorgimenti e poca fatica per preservarne  la funzionalità e l’estetica nel lungo periodo.

Inoltre, non necessita di manutenzione straordinaria: verniciatura, trattamenti anticorrosione o antimuffa

Come Pulire gli infissi in PVC?

Per pulire gli infissi in pvc  è sufficiente rimuovere delicatamente la sporcizia con un panno umido o con un macchinario che genera vapore, e detergente neutro o non abrasivo.

La frequenza generalmente è di 2 o 3 volte l’anno e dipende anche dalle condizioni atmosferiche e dall’esposizione dell’edificio.

Importante procedere con lo sgombero degli sgocciolatoi per evitare che l’acqua piovana ristagni e corroda l’infisso. Nel caso di finestre e porte-finestre scorrevoli si procede anche con la rimozione di terra e polvere dai binari.

Non è prevista una particolare Manutenzione straordinaria degli infissi in pvc ma sarà sufficiente controllare periodicamente lo stato dei profili più esposti alle intemperie o ai raggi solari e lubrificare ferramenta ed ingranaggi.

Infissi in INOX: Manutenzione

Questo materiale è leggero e molto resistente.

Non soggetto alla corrosione, non necessita di manutenzione straordinaria come la verniciatura.

Grazie ad una superficie liscia e non porosa si preserva bene dall’accumulo di sporcizia  ma necessita di una costante manutenzione e cura, soprattutto durante le operazioni di pulizia.

 

Per la pulizia non dovranno essere utilizzati dei prodotti abrasivi o aggressivi (pagliette, candeggina o detergenti in polvere).

Meglio utilizzare degli stracci o delle spugne morbide con prodotti specifici per la pulizia dell’acciaio. In commercio ne esistono diversi sotto forma di spray o crema.

 

Importante programmare la pulizia degli infissi in inox ogni tre mesi circa. Sarà possibile utilizzare sistemi di pulizia a vapore ma per evitare l’ossidazione l’acciaio dopo il lavaggio o le pioggie dovrà essere asciugato con cura.

Nel caso l’acciaio inox fosse satinato, bisognerà avere cura di strofinare nel verso della satinatura, in modo da non rovinarla.

Procedere, come nel caso degli altri infissi, con la rimozione dei residui dai gocciolatoi e lubrificazione di ferramenta e sostituzione (se necessario ) delle guarnizioni.

Guarda anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *